Interessante

Garantire la sostenibilità nel settore alimentare e agricolo

Garantire la sostenibilità nel settore alimentare e agricolo


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Le persone stanno acquisendo una consapevolezza positiva delle proprie scelte alimentari. Preferiscono frutta e verdura biologica e coltivata in casa. C'è un cambiamento significativo nelle loro abitudini alimentari e nelle fonti alimentari.

La vendita globale di alimenti biologici nel 2017 è stata calcolata 97 miliardi di dollari, paragonato a 18 miliardi di dollari nel 2000. Questo comportamento è ulteriormente accelerato da Internet e dai social media.

CORRELATI: 11 INNOVAZIONI CHE POTREBBERO COSTRUIRE IL CIBO DEL FUTURO

Molti "influencer" sono venuti a sostenere questi alimenti. Mangiare sano sta diventando una tendenza.

Ma non è sufficiente capire semplicemente l'impatto di ciò che mangiamo sul nostro corpo. Dobbiamo essere consapevoli anche del suo impatto sull'ambiente.

Che impatto ha davvero il cibo?

È abbastanza sorprendente scoprire l'impatto ambientale del nostro cibo. Ma se immaginiamo il viaggio del prodotto alimentare dalla fattoria ai nostri piatti, l'impatto sarebbe abbastanza chiaro.

Per mettere le cose in prospettiva, bere una pinta di birra 3-5 volte a settimana porterà a emissioni annuali di gas serra di 139 Kg, lo stesso che guidare una normale automobile a benzina 356 miglia.

Consumerebbe 2.020 litri di acqua, pari a 318 minuti di docce. L'idea di sostenibilità è ideale per misurare l'impatto umano e per ottimizzarlo.

Cos'è la sostenibilità?

La sostenibilità si traduce letteralmente in "la capacità di mantenere un certo tasso o livello". Per metterla nel contesto, la sostenibilità è l'equilibrio tra l'attività umana e l'ambiente in modo tale che lo sviluppo possa aver luogo senza interrompere la capacità delle risorse naturali di ricostituirsi.

Derivando da questa definizione, il cibo sostenibile è il cibo che viene coltivato, distribuito e consumato in modo tale da non avere alcun impatto degradante a lungo termine sul sistema che sostiene questo processo.

Questo ci porta ad alcune idee per un'agricoltura sostenibile, un'agricoltura in grado di soddisfare le esigenze di oggi senza scendere a compromessi con le esigenze del futuro.

Secondo il National Agricultural Research, Extension, and Teaching Policy Act del 1977 degli Stati Uniti, è definito come un sistema integrato di pratiche di produzione di piante e animali con un'applicazione specifica per il sito che, a lungo termine:

  • Soddisfa le esigenze di cibo e fibre umane
  • Migliorare la qualità ambientale e la base delle risorse naturali da cui dipende l'economia agricola
  • Fare l'uso più efficiente delle risorse non rinnovabili e delle risorse aziendali e integrare, ove appropriato, cicli e controlli biologici naturali
  • Sostenere la redditività economica delle operazioni agricole
  • Migliorare la qualità della vita degli agricoltori e della società nel suo insieme

La cosa interessante da notare qui è che parla degli aspetti socio-economici oltre che di quelli ecologici. Questi sono fattori interdipendenti, noti come i tre pilastri della sostenibilità.

Non c'è sviluppo economico senza sviluppo sociale e nessuno sviluppo sociale senza protezione ambientale.

Sostenibilità a livello di base

L'industria alimentare è una rete complessa. Comprende agricoltori e mercati alimentari come elementi visibili.

Comprende anche produttori di prodotti agrochimici e macchine agricole, lavorazione e ristorazione di alimenti e sistemi di distribuzione. Il problema nel passaggio dal modello del mercato di massa a un modello sostenibile nasce dalla rigidità di questi intermediari dipendenti.

Molte aziende stanno cercando di riposizionarsi come eco-compatibili. Ma è più probabile che un agricoltore tradizionale si preoccupi della sostenibilità dei suoi raccolti rispetto alle grandi aziende.

Questo perché ha attaccamento e rispetto per la terra che coltiva.

Quale cibo sostenibile dovrei consumare?

La cosa migliore da fare sarebbe scegliere prodotti alimentari naturalmente sostenibili. Bisonte, fagioli, fichi e cozze coltivate a corda sono alcuni prodotti alimentari comuni che aiutano a mantenere l'equilibrio ecologico.

  • Le cozze sono conosciute come filtri alimentatori e non necessitano di essere nutrite. Hanno uno scarico corporeo minimo e possono essere coltivati ​​e raccolti senza danneggiare il fondale marino.
  • Le lenticchie sono ottime fonti di proteine ​​e fibre alimentari ed etichettate come supercibi. Inoltre, hanno una bassa impronta di carbonio e consumano meno acqua.
  • I fagioli sono comunemente noti come fissatori di azoto e reintegrano naturalmente il contenuto di ammoniaca del suolo. Molti agricoltori tradizionali coltivano fagioli e lenticchie insieme ad altre colture per mantenere la fertilità del suolo.
  • I fichi sono super nutrienti e forniscono un'importante fonte di cibo per molte specie animali in tutto il mondo.
  • Praterie come il bisonte aiutano a mantenere la fertilità del suolo e compensano le emissioni dell'allevamento di pollame.

Dove trovo cibi sostenibili?

Se hai le risorse disponibili, puoi fare un ulteriore passo avanti optando per frutta e verdura di produzione propria. In alternativa, puoi partecipare a un orto comunitario.

Le verdure di stagione sono un ottimo modo per rompere la monotonia della tua dieta di base e aggiungere un po 'di sapore ai tuoi piatti. Sono quasi sempre migliori anche per l'ambiente.

Puoi inoltre utilizzare app come HowGood o EWG Food Score per valutare i tuoi generi alimentari in base a 60 diversi parametri di sostenibilità. App come HappyCow ti consentono di individuare le fonti più vicine di cibi vegetariani o vegani.

Ci sono svantaggi del cibo sostenibile?

Ironia della sorte, i maggiori svantaggi del cibo sostenibile non sono agricoli ma economici. La resa alimentare per acro è aumentata da quando le grandi imprese hanno iniziato a interessarsi all'agricoltura, tuttavia, si potrebbe sostenere che questo stia tassando la terra per le risorse.

Allo stesso tempo, è vero che la crescente popolazione urbana non può sopravvivere con fonti alimentari strettamente "sostenibili". Anche se gli alimenti etichettati come sostenibili sono spesso più costosi, ridimensionare alla cieca tali operazioni sarebbe difficile.

CORRELATI: PROVETTA BISTECCHE E BUG DUST: BENVENUTI NEL FUTURO DEL CIBO

Un cambiamento del genere richiede tempo e campi diversi devono lavorare in sinergia, mettendo insieme le loro idee e spingendo avanti il ​​movimento.

Mentre aspettiamo che il cibo sostenibile diventi una tendenza, possiamo fare la nostra parte prendendo una decisione consapevole di consumare cibo più sostenibile. Il consumo di alimenti sostenibili promuoverà pratiche agricole sostenibili che avranno un impatto non solo sulla protezione dell'ambiente ma anche sulla società e sull'economia.


Guarda il video: Pillole di sostenibilità. Agenda 2030: Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo (Luglio 2022).


Commenti:

  1. Shakat

    Secondo me, ti sbagli. Sono sicuro. Discutiamone. Inviami un'e -mail a PM.

  2. Peneus

    Grazie mille per la vostra assistenza in questa materia. Non lo sapevo.

  3. Abdul-Wahid

    Scusa se interferisco, ma ti suggerisco di andare dall'altra parte.

  4. Aodhfin

    Hai colpito il segno. In esso qualcosa è anche buono, sostengo.



Scrivi un messaggio