Collezioni

Il supercomputer personalizzato di HPE aiuterà la NASA a raggiungere la Luna nel 2024

Il supercomputer personalizzato di HPE aiuterà la NASA a raggiungere la Luna nel 2024


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

È ben documentato che il computer che si trovava a bordo della navicella spaziale Apollo 11 era un'ombra lontana da qualsiasi computer che potresti trovare oggi sul tuo desktop o anche in tasca.

Soprannominato Apollo Guidance Computer, l'AGC era responsabile del controllo dei sistemi di guida e navigazione della navicella Apollo 11.

È stato detto che il nostro attuale processore per iPhone dovrebbe essere finito 100,000volte più potente del computer di Apollo 11. Per portare a casa il punto ancora di più, il sistema AGS richiederebbe ben oltreun quintilione di anni al mioun singolo Bitcoin bloccare. Tutto ciò ci ricorda quanto lontano siamo arrivati ​​e ci ha entusiasmato per la tecnologia che dovrebbe essere utilizzata nel prossimo sbarco sulla luna.

CORRELATO: IL RITORNO DEGLI ASTRONAUTI SULLA LUNA POTREBBE COSTARE 30 MILIARDI DI $, DICE LA NASA

Parlando di una straordinaria tecnologia futura, Hewlett Packard Enterprise o HPE ha annunciato uno straordinario e potente supercomputer progettato per l'Ames Research Center della NASA. Il supercomputer giocherà un ruolo vitale nelle missioni generali di preparazione e nel programma Artemis, la prossima missione per far atterrare gli esseri umani sul Polo Sud della Luna nel 2024.

Incontra il supercomputer Aitken

Soprannominato Aitken, il supercomputer prende il nome da Robert Grant Aitken, un astronomo americano specializzato in sistemi stellari binari. Aitken supporterà l'Ames Research Center della NASA fornendo modelli e simulazioni di ingresso, discesa e atterraggio per i programmi sopra menzionati.

Ora, quando diciamo che questo computer è potente, lo è. Il supercomputer è in grado di eseguire migliaia di simulazioni complesse su 3.69 petaFLOPS. Soprattutto per quanto riguarda il programma Artemis, le simulazioni aiuteranno a garantire atterraggi sicuri al ritorno della NASA sulla luna.

Sia la NASA che HPE sono entusiasti della collaborazione quadriennale e multifase che afferma nel comunicato stampa HPE: "HPE ha una collaborazione di lunga data con la NASA Ames e insieme, continuiamo a costruire tecnologie HPC innovative per alimentare lo spazio e la scoperta scientifica che aumentare l'efficienza complessiva e ridurre i costi. "

"Siamo onorati di aver progettato il nuovo supercomputer Aitken e le capacità di alimentazione per la prossima missione dell'umanità sulla luna".

Guardando sotto il cofano

HPE è orgogliosa del fatto che Aitken sia un supercomputer modulare ad alta efficienza energetica e alla fine sostituirà la necessità di una torre di raffreddamento e la necessità di un'enorme quantità di acqua che è generalmente necessaria per il raffreddamento di un computer su un tale larga scala.

Si basa su SGI 8600 di HPE, riconosciuto anche per le sue speciali capacità di raffreddamento a liquido. Altre caratteristiche più impressionanti del supercomputer includono1.150 nodi, 46.080 core, e 221 TB di memoria.

Cerca ulteriori notizie sul prossimo viaggio della NASA sulla luna qui su Interesting Engineering.


Guarda il video: LItalia sulla Luna con il programma Artemis della Nasa (Potrebbe 2022).


Commenti:

  1. Jose

    Una frase incomparabile, mi piace :)

  2. Najee

    Sono certo che sei su una falsa strada.

  3. Ranfield

    Mi sembra straordinario



Scrivi un messaggio