Miscellanea

L'Iran sta costruendo un supercomputer AI con o senza processori statunitensi

L'Iran sta costruendo un supercomputer AI con o senza processori statunitensi


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

L'Iran sta attualmente facendo un grande gioco per competere nelle trincee sempre più profonde della tecnologia dell'informazione globale. Mohammad-Javad Azari Jahromi, ministro iraniano dell'informazione e della tecnologia informatica, ha twittato lo scorso fine settimana l'annuncio di un progetto di supercomputer in corso, già in fase di sviluppo in ritardo, che sarà lanciato il prossimo anno e che ha promesso sarebbe “100 volte più potente dei precedenti. "

CORRELATO: I RICERCATORI GIRANO L'INTERRUTTORE SUL SUPERCOMPUTER NEUROMORFICO PIÙ GRANDE AL MONDO

Tradurre il tweet, verbalmente e in altro modo

ابررایانه ایرانی "سیمرغ" تا سال‌ آینده آماده می‌شود: صد برابر قدرتمندتر از نمونه‌های قبا‌ی ، عالی وعودا‌!
این ابررایانه برای حمایت از کسب‌وکارها با هدف توسعه هوش‌مصنوعی به مردم خدمت خواهد کرد.
هزار آفرین به سازندگان جوان و خلاق. بچه‌ها ممنونیم!
# آینده‌روشن✨

- MJ Azari Jahromi (@azarijahromi) 17 agosto 2019

Tradotto dal persiano con il magistrale aiuto di Google, questo tweet recita:

Il supercomputer iraniano Simorgh dovrebbe essere lanciato il prossimo anno: 100 volte più potente dei precedenti, fantastico! Questo supercomputer supporterà le aziende con l'obiettivo di sviluppare l'intelligenza artificiale. Migliaia di creatori giovani e creativi felici. Grazie ragazzi!

Il nome "Simorgh" deriva da un antico uccello mitologico iraniano, molto simile alla Fenice in altre tradizioni, che è gigantesco, universalmente benevolo e unilateralmente femmina. Questo rappresenta un simbolo interessante per il supercomputer iraniano, una sorta di unione completa tra il passato del paese e il suo sogno per il futuro.

Quali sono esattamente quei sogni?

Due volte all'anno dal 1993, un'organizzazione chiamata Top500 ha classificato i supercomputer del mondo. L'Iran si è già affermato come una forza da non sottovalutare nei campi scientifici nel 2016, quando è stato classificato al 15 ° posto nel mondo dalla National Science Foundation per qualità e numero di pubblicazioni scientifiche e di ingegneria in riviste e libri sottoposti a revisione paritaria.

Con le industrie basate sull'intelligenza artificiale che guidano essenzialmente il mondo degli affari tecnologici in questi giorni, la convinzione comune è che l'Iran vorrebbe che il suo nuovo supercomputer si classificasse anche su scala globale entrando nella lista dei Top500.

Da dove viene il mercato nero?

Quasi tutti i paesi sviluppati del mondo stanno lavorando a una sorta di supercomputer in modo che possano competere e stare al passo con le economie e le capacità che ora dettano il commercio globale, l'innovazione e la sicurezza. Hewlett Packard Enterprise ha la responsabilità di aiutare paesi come la Francia a raggiungere questo obiettivo.

Poiché vengono eseguiti su un sistema di elaborazione parallela, supportano tecnologie di memoria più vaste e contengono una maggiore memoria interna, i sistemi HPC sono considerati componenti altamente integrali nel tentativo di generare un programma competitivo in grado di spostare i dati oltre le velocità standard del settore. A causa delle sanzioni commerciali imposte all'Iran dal governo degli Stati Uniti, l'Iran non può acquistare apertamente o legalmente parti Hewlett Packard in questo frangente e potrebbe dover rivolgersi al mercato nero per ottenere i chip di cui ha bisogno per creare il suo supercomputer.

Allora, da dove vengono i piani?

L'Iran non ha avuto problemi in passato a eludere le sanzioni americane, meglio illustrato nel 2007 quando il paese ha prodotto un sistema basato su Linux utilizzando 216 core AMD Opteron. I piani per questo nuovissimo sforzo di supercomputer hanno incontrato reazioni pubbliche all'interno e all'esterno dell'Iran che vanno dalla gioia alla derisione. Non scopriremo collettivamente fino al prossimo anno se il tweet di Jahromi fosse fondato su fatti o vanto mal riposti.


Guarda il video: Iran, Khamenei ringrazia Trump: ha svelato il vero volto Usa (Potrebbe 2022).


Commenti:

  1. Halton

    Scusa per averti interrotto.

  2. Einhardt

    Vorresti scambiare link?

  3. Colum

    Secondo me non hai ragione. Discutiamone.

  4. Sion

    Tutto ?

  5. Munos

    Tui hai torto. Posso difendere la mia posizione. Scrivimi in PM, ne parleremo.



Scrivi un messaggio