Informazione

Gli scienziati producono combustibili a emissioni zero dalla luce solare e dall'aria

Gli scienziati producono combustibili a emissioni zero dalla luce solare e dall'aria

I ricercatori dell'ETH di Zurigo hanno prodotto combustibili idrocarburici liquidi esclusivamente dalla luce solare e dall'aria. Gli scienziati hanno sviluppato un impianto solare per produrre combustibili liquidi sintetici che rilasciano tanta COdurante la loro combustione come precedentemente estratta dall'aria per la loro produzione.

CORRELATI: GLI SCIENZIATI SINTETIZZANO IL CARBURANTE LIQUIDO DALL'ENERGIA SOLARE

In condizioni reali sul campo

"Questo impianto dimostra che gli idrocarburi a emissioni zero possono essere prodotti dalla luce solare e dall'aria in condizioni reali sul campo. Il processo termochimico utilizza l'intero spettro solare e procede ad alte temperature, consentendo reazioni rapide e alta efficienza", ha affermato Aldo Steinfeld, Professore di Renewable Energy Carriers all'ETH di Zurigo e capo del gruppo di ricerca che ha sviluppato la tecnologia.

L'evento segna la prima volta in tutto il mondo che il team dimostra l'intera catena del processo termochimico in condizioni reali sul campo. La nuova mini-raffineria solare si trova sul tetto dell'edificio del laboratorio di macchine dell'ETH a Zurigo.

La raffineria produce circa un decilitro di carburante al giorno. Ora, Steinfeld e il suo gruppo stanno lavorando a un test su larga scala del loro reattore solare in una torre solare vicino a Madrid.

"Un impianto solare che si estende su un'area di un chilometro quadrato potrebbe produrre 20.000 litri di cherosene al giorno", ha detto Philipp Furler, Direttore (CTO) di Synhelion ed ex studente di dottorato nel gruppo di Steinfeld.

"Teoricamente, un impianto delle dimensioni della Svizzera - o un terzo del deserto californiano del Mojave - potrebbe coprire il fabbisogno di cherosene dell'intera industria aeronautica. Il nostro obiettivo per il futuro è produrre in modo efficiente combustibili sostenibili con la nostra tecnologia e quindi mitigare il globale CO2 emissioni. "

Tre processi di conversione termochimica

La catena di processo del nuovo sistema è costituita da tre processi di conversione termochimica: l'estrazione di CO2 e l'acqua dall'aria, la scissione solare-termochimica della CO2 e la loro liquefazione in idrocarburi.

"CO2 e l'acqua vengono estratte direttamente dall'aria ambiente tramite un processo di adsorbimento / desorbimento. Entrambi vengono quindi immessi nel reattore solare al centro di un riflettore parabolico. La radiazione solare è concentrata di un fattore 3.000, generando calore di processo a una temperatura di 1.500 gradi Celsius all'interno del reattore solare. Il cuore del reattore solare è una struttura ceramica fatta di ossido di cerio, che consente una reazione in due fasi - il ciclo redox - per scindere l'acqua e la CO2 in syngas. Questa miscela di idrogeno e monossido di carbonio può quindi essere trasformata in combustibili idrocarburici liquidi attraverso la sintesi convenzionale di metanolo o Fischer-Tropsch ", ha spiegato il comunicato stampa.


Guarda il video: Antonello Pasini - Clima e tecnologia: limpatto del cambiamento - IF2019 (Gennaio 2022).