Miscellanea

L'intensificazione della lotta del governo degli Stati Uniti con Huawei era alle porte

L'intensificazione della lotta del governo degli Stati Uniti con Huawei era alle porte


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Nel suo romanzo Anche il sole sorge, Ernest Hemingway ha scritto notoriamente che il fallimento di un personaggio è avvenuto in due modi: "Gradualmente e poi all'improvviso". Lo stesso si può dire dello scoppio di conflitti tra stati-nazione e mentre la decisione della scorsa settimana da parte del governo degli Stati Uniti di inserire la cinese Huawei in una lista nera commerciale degli Stati Uniti non è un conflitto aperto tra i due paesi, questa rapida escalation nella lotta su Huawei è passato molto tempo.

Se la decisione dei funzionari statunitensi la scorsa settimana di inserire Huawei in una lista nera del commercio statunitense è stata una sorpresa per te, non sei il solo. I mercati globali sono stati colti completamente alla sprovvista dalla mossa e si sono affrettati a risolvere le implicazioni. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato un ritardo di 90 giorni nell'applicazione per dare alle aziende il tempo di adattarsi, ma il terzo più grande produttore di elettronica al mondo semplicemente non può essere escluso dalla catena di approvvigionamento globale in 90 giorni.

CORRELATO: IL RAZR DI MOTOROLA PU DECIDERE IL DESTINO DEGLI SMARTPHONE PIEGHEVOLI

Poiché le aziende di tutto il mondo come Google, Qualcomm e, soprattutto, la società di semiconduttori con sede nel Regno Unito ARM, hanno interrotto i rapporti commerciali con Huawei per conformarsi alle nuove restrizioni commerciali degli Stati Uniti, un'interruzione a cascata nell'economia globale ora sembra inevitabile, minacciando persino il rotolo -le reti di telecomunicazioni 5G tanto attese in tutto il mondo.

Tutto questo sta avvenendo in un contesto commerciale e geopolitico più ampio tra l'unica superpotenza rimasta al mondo, gli Stati Uniti, e la nazione più ben posizionata per presentare una sfida credibile all'egemonia americana, la Cina. Mentre gli sviluppi di questa settimana intorno a Huawei non riguardano esclusivamente il raggiungimento di punti geopolitici - Huawei ha affrontato accuse credibili di spionaggio, almeno di tipo aziendale se non altro - la lista nera commerciale di Huawei è solo il passo più aggressivo e probabilmente inevitabile di un lungo serie di ogni crescente escalation della fiorente Guerra Fredda tecnologica in Cina e in America.

La caduta dell'Unione Sovietica lascia una strada per l'ascesa della Cina

Per la seconda metà del ventesimo secolo, anche se qualcosa non riguardava la Guerra Fredda, riguardava la Guerra Fredda. Gli Stati Uniti e l'URSS si sono impegnati in un conflitto strategico globale combattuto in guerre per procura, spionaggio e varie razze per produrre la nuova tecnologia più veloce o più potente. Poco dopo che la guerra di Corea si stabilì nella lunga tregua del suo decennio, i funzionari americani furono presi dal panico per il "divario tra bombardieri" percepito che l'URSS presumibilmente aveva sull'aviazione americana.

In realtà non c'è mai stato un gap tra i bombardieri, gli Stati Uniti hanno sempre avuto il vantaggio quando si trattava del numero di aerei capaci di armi nucleari, ma la paura da parte dei funzionari americani era genuina. La maggior parte dei moderni strumenti di sorveglianza militare, come i satelliti, furono costruiti proprio per scoprire cosa stava combinando l'Unione Sovietica.

L'ansia attorno a questa grande variabile sconosciuta, la forza militare dell'Unione Sovietica rispetto agli Stati Uniti, è stata messa in overdrive quando l'URSS ha lanciato il primo satellite Sputnik quando gli americani non avevano nemmeno un programma spaziale istituito. Presto seguì il primo uomo nello spazio, così come la prima donna. L'URSS è stata la prima a lanciare un satellite in orbita attorno alla luna e a scattare foto del suo lato opposto, la prima volta che era stata vista dagli umani. L'intera spinta a portare un uomo sulla luna può essere riassunta nella determinazione americana a impedire all'Unione Sovietica di creare una base missilistica nucleare lassù.

Se questo suona in qualche modo paranoico e isterico, non ti sbagli. La paura di perdere il nostro vantaggio tecnologico ha reso gli americani un po 'confusi, onestamente, che è probabilmente il vero motivo per cui gli americani hanno celebrato la caduta dell'Unione Sovietica in modo così universale. Non si trattava della sconfitta di qualche avversario per la stragrande maggioranza delle persone; era solo che l'intera faccenda era finita; potrebbero smetterla di impazzire.

Può esserci un solo potere per così tanto tempo, tuttavia, e non esiste un'egemonia permanente. La dimensione del vuoto lasciato dal crollo dell'Unione Sovietica apparve insuperabile negli anni successivi alla fine della Guerra Fredda, ma nonostante gli studiosi avessero fatto carriera su quella tesi, era sempre una sciocchezza astorica, e non passò molto tempo prima che la Cina iniziasse. per riempire questo spazio inutilizzabile piuttosto rapidamente - con preoccupazione dei politici americani.

Sebbene non sia quasi allo stesso livello tecnologicamente degli Stati Uniti all'inizio del millennio, l'ascesa della Cina è stata più rapida di quanto si pensasse possibile vent'anni fa. Ciò è stato in parte alimentato, sì, dai trasferimenti di tecnologia obbligatori da parte di aziende che cercano di fare affari in Cina - così come dal tipico spionaggio tecnologico in cui i paesi si sono impegnati sin dalle prime città-stato -, ma l'ascesa della Cina è altrettanto molto dalla sua laboriosità e lungimiranza.

La Cina si è posizionata saggiamente intorno alla fine del millennio e ora sta raccogliendo i vantaggi tecnologici, rendendola una delle uniche nazioni in grado di sfidare gli Stati Uniti sul suo terreno di casa: la tecnologia. Nel frattempo, gli Stati Uniti, essendo diventati abbastanza a loro agio come l'unica superpotenza del pianeta - di solito non a loro vantaggio, ovviamente - si trovano per la prima volta in più di due decenni ad affrontare una vera sfida alla loro posizione - e ragazzo Howdy non sono entusiasti di questo.

La tecnologia cinese un punto di infiammabilità in una nuova guerra fredda

Probabilmente lo sviluppo tecnologico più importante dell'ultimo decennio è stato il rapido progresso delle infrastrutture di telecomunicazione. Negli ultimi dieci anni, siamo passati attraverso le reti 3G, le reti 4GLTE e, a partire da quest'anno, il lancio delle reti 5G inizierà sul serio, promettendo velocità di trasferimento 1.000 volte più veloci del 4G, meno interruzioni del servizio e il tutto tranne eliminazione della latenza di rete - scendendo a solo 1 millisecondo dall'attuale standard di 50 millisecondi per 4G.

E la Cina è molto più avanti degli Stati Uniti per quanto riguarda le implementazioni della rete 5G. Così avanti, infatti, che i funzionari statunitensi stanno iniziando a preoccuparsi che se non agiranno presto, potrebbero passare decenni prima che gli Stati Uniti raggiungano. Finora, con le società di telecomunicazioni americane che mostrano un debole interesse ad accelerare le cose, gli Stati Uniti possono solo guardare mentre le società cinesi di telecomunicazioni ed elettronica, come ZTE e Huawei, iniziano a offrire la licenza delle loro tecnologie per aiutare altri paesi a costruire le loro infrastrutture di rete 5G.

Il governo degli Stati Uniti afferma che queste offerte sono cavalli di Troia per l'intelligence cinese per ottenere un accesso illimitato alle reti in tutto il mondo ed è arrivato al punto di affermare apertamente che Huawei ha accesso a qualunque parte dell'infrastruttura di rete di un alleato, gli Stati Uniti riconsidererebbero i propri accordi di condivisione dell'intelligence con quel paese. Mentre è facile scrivere questo come semplice paranoia da parte degli Stati Uniti e di altri che hanno paura della concorrenza - cosa che certamente lo sono - non è come se non ci fosse nulla da vedere qui e dovremmo semplicemente andare avanti.

Il governo cinese ha trasformato lo stato di sorveglianza in una sorta di alta tecnologia tecnologica, incluso lo sviluppo funzionale del proprio Internet, dotato di censori ufficiali statali per impedire la diffusione online di contenuti "sovversivi", utilizzando smartphone e intelligenza artificiale come mezzo di monitoraggio comunità dissidenti o minoritarie all'interno della Cina, in particolare i diversi milioni di uiguri prevalentemente musulmani, e l'implementazione di un sistema di credito sociale che garantisce l'accesso ai servizi pubblici e ai trasporti in base a un punteggio assegnato a un cittadino che misura la loro conformità alle norme e ai regolamenti sulla moralità statale .

Mentre gli Stati Uniti separano apparentemente l'industria e le imprese private dalla pubblica amministrazione e dal processo decisionale, la Cina è ancora uno stato comunista, quindi la distinzione tra impresa privata e interesse pubblico è rigida solo nella misura in cui lo stato lo consente. Anche se non ci sono prove dirette di cui siamo a conoscenza che sostengano le affermazioni degli Stati Uniti, gli Stati Uniti non sono gli unici ad aver fatto tali accuse.

Non più tardi dello scorso anno, i funzionari dell'Unione africana, nessun alleato a dir poco impenetrabile degli Stati Uniti, hanno accusato la Cina del tipo esatto di infiltrazione di rete che gli Stati Uniti dicono che Huawei tenterà altrove. Nel caso della sede dell'Unione Africana, un'inchiesta del quotidiano francese le Monde ha scoperto che la sede centrale - situata ad Addis Abeba, in Etiopia e costruita interamente da una società di costruzioni statale cinese e dotata di attrezzature interamente fornite da venditori cinesi - ha riscontrato che queste apparecchiature contenevano difetti deliberati che consentivano una connessione esterna per monitorare tutte le attività sulla rete. Questi difetti sono stati sfruttati per anni da attori esterni prima di essere scoperti e nuove apparecchiature messe in sicurezza.

Sebbene non si sia definitivamente dimostrato che si tratti di un caso di spionaggio cinese, e la Cina nega strenuamente queste e altre accuse, molti di questi casi nel tempo rendono le persone giustamente sospettose. L'Africa più in generale ha visto negli ultimi dieci anni una quantità enorme di investimenti da parte delle aziende cinesi, spesso diretti verso progetti infrastrutturali. Secondo un rapporto McKinsey sullo sviluppo africano del 2017, questa spinta agli investimenti include la costruzione della maggior parte delle infrastrutture di telecomunicazioni aggiornate dell'Africa.

Aly-Khan Satchu, che lavora come analista di investimenti a Nairobi, in Kenya, ritiene che l'hack abbia rivelato una reale vulnerabilità per le nazioni africane. "I paesi africani non hanno influenza sulla Cina", ha detto prima di aggiungere "C'è questa teoria in Africa che la Cina è Babbo Natale. Non lo è. I nostri leader devono essere sconfessati da questa nozione ".

Quando una guerra commerciale incontra una guerra fredda

Ora, ognuna di queste sarebbe una preoccupazione legittima, e potresti persino sostenere che ciò che i funzionari statunitensi stanno facendo è una legittima manovra di controspionaggio. Accade così che nessuno di questi sia la vera ragione del selvaggio che Huawei ha subito questa settimana. Come Russell Brandom a The Verge così come altri hanno sottolineato, in una conferenza stampa di questa settimana, al presidente Trump è stato chiesto della lista nera di Huawei, e lui ha praticamente tirato una bandiera sull'asta della Casa Bianca decorata con le parole "Huawei è minacciata per forzare La Cina a fare concessioni commerciali ".

"Huawei è qualcosa di molto pericoloso", Pres. Trump ha detto durante la sua conferenza stampa. "Se guardi quello che hanno fatto da un punto di vista della sicurezza, da un punto di vista militare, è molto pericoloso. [Approposo di assolutamente nulla,] Quindi è possibile che Huawei sia persino inclusa in una sorta di accordo commerciale. Se abbiamo fatto un accordo, Potrei immaginare che Huawei possa essere inclusa in qualche forma, una parte di un accordo commerciale (enfasi aggiunta). "

Il principale punto critico nei negoziati sono state le restrizioni che gli Stati Uniti vogliono imporre a ciò che considerano le società cinesi e il governo cinese che violano i brevetti americani per i prodotti farmaceutici e altri beni di alto valore. L'America non è in una posizione molto forte su questo tema, poiché la Cina non è obbligata a rispettare le leggi americane sui brevetti o sul copyright che non ha avuto alcun ruolo nella creazione e sono state scritte senza il contributo della Cina decenni fa. Se il governo cinese sta rispettando le proprie leggi, non c'è molto altro da dire sulla questione.

Se a un'azienda americana non piace cedere la tecnologia al governo cinese in cambio dell'accesso al mercato dei consumatori cinesi, questi sono i termini che il governo cinese ha stabilito; nessuno sta costringendo Google o Tesla a cercare di vendere i propri prodotti e servizi ai cinesi. Nonostante tutti i discorsi degli ultimi mesi sul terribile rischio per la sicurezza nazionale che Huawei pone alle nazioni occidentali, questo non è qualcosa a cui si pone rimedio con un accordo commerciale.

Il riconoscimento di Trump che lo status di Huawei è poco più che una merce di scambio in una disputa commerciale sulle rivendicazioni sulla proprietà intellettuale mostra o che Huawei non è la grave minaccia che i funzionari americani hanno fatto credere che fosse, oppure lo sono, ma lo sarà. un compromesso accettabile se significa che la Pfizer può far pagare un prezzo eccessivo al consumatore cinese per l'insulina e il Viagra come hanno fatto negli Stati Uniti per tre decenni. In entrambi i casi, le mosse fatte dai funzionari statunitensi contro Huawei non saranno facilmente dimenticate, né dal popolo cinese né dai cittadini di altre nazioni che devono ora chiedersi quanta influenza questa amministrazione abbia su. loro leader attraverso l'uso diffuso di tecnologia originaria degli Stati Uniti.


Guarda il video: Huaweis Founder Speaks To BBC (Potrebbe 2022).


Commenti:

  1. Arashizahn

    L'idea di una buona, sono d'accordo con te.

  2. Salem

    E no, succede così))))

  3. Lindel

    Dopo un po', il tuo post diventerà popolare. Ricorda la mia parola.

  4. Fraynee

    Inoltre, faremmo a meno della tua eccellente frase



Scrivi un messaggio