Collezioni

Gli scienziati hanno mappato il codice genetico del colera di un soldato della prima guerra mondiale

Gli scienziati hanno mappato il codice genetico del colera di un soldato della prima guerra mondiale


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

I ricercatori del Wellcome Sanger Institute hanno mappato il codice genetico del più antico ceppo di colera disponibile al pubblico. Il batterio proveniva da un soldato britannico della prima guerra mondiale (prima guerra mondiale).

CORRELATI: GLI SCIENZIATI FANNO IL PRIMO GENOMA BATTERICO GENERATO DA COMPUTER

La sesta pandemia

Il colera è un'infezione dell'intestino tenue da alcuni ceppi di V. choleraebatterio causato dall'ingestione di cibo o acqua contaminati. La malattia può portare a epidemie o addirittura a pandemie globali.

Durante la prima guerra mondiale si è verificata una storica pandemia globale di colera, nota come la sesta pandemia. Fu durante questo periodo che il ceppo ora mappato fu raccolto e immagazzinato.

Nel 1916, un ceppo fu estratto dallo sgabello di un soldato britannico. Il batterio è stato poi depositato nella National Collection of Type Cultures (NCTC) * nel 1920.

Il più vecchio disponibile pubblicamenteV. cholerae

Si ritiene che sia il più antico disponibile pubblicamenteV. cholerae.Per mappare il suo codice genetico, i ricercatori del Sanger Institute hanno rianimato i batteri del soldato della prima guerra mondiale.

"Abbiamo decodificato il genoma di quello che riteniamo essere il più antico campione" vivo "archiviatoV. cholerae. È un privilegio poter osservare il genoma di questo isolato. Lo studio di ceppi da diversi momenti nel tempo può fornire informazioni approfondite sull'evoluzione di questa specie di batteri e collegarlo a rapporti storici sulle malattie umane ", ha affermato il professor Nick Thomson, autore principale del Wellcome Sanger Institute.

La squadra, tuttavia, ha trovato la tensione del soldatoV. cholerae non era il tipo in grado di provocare un'epidemia di colera. Non era quindi correlato alV. cholerae responsabile della sesta pandemia.

"Anche se questo isolato non ha causato un'epidemia, è importante studiare quelli che non causano la malattia così come quelli che lo fanno. Quindi questo isolato rappresenta un pezzo significativo della storia del colera, una malattia che rimane importante oggi quanto lo è. è stato nei secoli passati ", ha spiegato Thomson.

I ricercatori hanno anche scoperto che il ceppo sequenziato possedeva un gene per la resistenza all'ampicillina. Questo è fondamentale in quanto fornisce la prova che la resistenza agli antibiotici nei batteri esisteva prima dell'introduzione degli antibiotici.

CORRELATI: PROBIOTICI E ANTIBIOTICI UNISCONO LE FORZE PER ELIMINARE I BATTERI RESISTENTI AI FARMACI

"La National Collection of Type Cultures cresce e mantiene oltre 5.000 ceppi di batteri degli ultimi cento anni circa. Lo studio di questi batteri offre una finestra sul passato e aiuta gli scienziati a capire come i batteri si evolvono nel tempo e il ruolo che hanno svolto nella storia ", ha affermato Julie Russell, Responsabile delle collezioni culturali presso NCTC.

Lo studio è pubblicato inAtti della Royal Society B.


Guarda il video: LA GUERRA DI TRINCEA: La Vita al fronte e lInsensatezza della Prima Guerra Mondiale. (Potrebbe 2022).


Commenti:

  1. Vernon

    Mi dispiace interromperti, ma, secondo me, c'è un altro modo per risolvere il problema.

  2. Gaetan

    In esso qualcosa è. In precedenza ho pensato diversamente, molte grazie per l'aiuto in questa domanda.

  3. Bara

    Idea geniale ed è debitamente

  4. Ashby

    mmm giusto.

  5. Orton

    non lo so



Scrivi un messaggio