Collezioni

Scienziato scopre un interruttore che può spegnere le voglie di alcol

Scienziato scopre un interruttore che può spegnere le voglie di alcol

I ricercatori potrebbero aver trovato un modo per spegnere le voglie legate all'alcol con la semplice pressione di un interruttore, aprendo la porta a nuove terapie per la dipendenza da alcol.

Spegnere le voglie di alcol

Gli scienziati dello Scripps Research Institute (SRI) hanno scoperto un modo per reprimere la voglia di alcol nei ratti dipendenti dall'alcol, facendo sperare in nuovi farmaci o terapie geniche in grado di combattere l'abuso di alcol.

VEDERE ANCHE: GLI SCIENZIATI SVILUPPANO PAINKILLER NON ADDITTIVO PER COMBATTERE L'EPIDEMIA DI OPPIOIDI

Utilizzando i laser, i ricercatori sono stati in grado di disattivare temporaneamente una certa popolazione neuronale che è legata al comportamento di ricerca di alcol e sono stati anche in grado di ridurre i sintomi fisici dell'astinenza.

"Questa scoperta è entusiasmante: significa che abbiamo un altro pezzo del puzzle per spiegare il meccanismo neurale che guida il consumo di alcol", afferma Olivier George, PhD, professore associato presso SRI e autore senior dello studio. La ricerca è stata pubblicata questa settimana sulla rivista Nature Communications.

Costruire lo switch

George e altri ricercatori dell'SRI hanno cercato per anni le cellule cerebrali specifiche che guidano il desiderio di alcol. Nel 2016, hanno identificato una regione del cervello, un "insieme" neuronale chiamato neuroni del fattore di rilascio della corticotropina (CRF), situato nel nucleo centrale dell'amigdala che ha mostrato risultati promettenti.

Utilizzando fibre ottiche impiantate nel cervello dei ratti, il team SRI è stato in grado di disattivare i neuroni in questa parte del cervello con la semplice pressione di un interruttore.

Prendendo ratti che erano stati indotti a sviluppare una dipendenza da alcol per diversi mesi, i ricercatori hanno portato via l'alcol. I ratti hanno mostrato i sintomi attesi di astinenza da alcol, come tremori e andatura anormale. Quando hanno reintrodotto i ratti all'alcol, i ratti hanno bevuto più che mai ei ricercatori hanno visto che i neuroni CRF erano attivi, spingendo i ratti a bere più alcol di prima.

Tuttavia, quando gli scienziati hanno attivato l'interruttore sugli impianti in fibra ottica per disattivare i neuroni CRF, il comportamento dei ratti è cambiato drasticamente. L'intenso impulso dei ratti a bere eccessivamente è scomparso del tutto e hanno iniziato a bere così poco come prima di diventare dipendenti. Hanno anche notato che i sintomi di astinenza fisica dei ratti sono diminuiti.

L'effetto potrebbe essere invertito semplicemente disattivando gli impianti laser. Non appena l'interruttore è stato spento, i ratti sono tornati a bere eccessivamente ora che i neuroni CRF sono stati riattivati, fornendo prove ancora più forti del legame tra i neuroni mirati e la voglia di alcol.

George spera che nuovi composti farmacologici e terapie geniche possano colpire questi neuroni e fornire un trattamento efficace per coloro che soffrono di disturbo da abuso di alcol, di cui soffrono più di 15 milioni di adulti statunitensi.


Guarda il video: Che palle il lavoro a vuoto!! Qui ti spiego come farlo (Gennaio 2022).