Miscellanea

7 cose che ancora non sappiamo sui nostri vasti oceani

7 cose che ancora non sappiamo sui nostri vasti oceani


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Anche con tutti i progressi tecnologici che abbiamo oggi, gli oceani sono ancora una delle meraviglie naturali più sfuggenti del mondo. Se pensi di sapere tutto sui nostri oceani, le seguenti sette voci ti lasceranno in un mare di domande!

VEDERE ANCHE: LO STUDIO RIVELA CHE L'OCEANO CAMBIERÀ COLORE IN QUESTO SECOLO

Ci sono affermazioni che gli esseri umani hanno studiato 1/3rd della vita marina, ma in realtà non conosciamo l'entità della varietà di specie presenti nell'oceano. Quindi, senza sapere quante forme di vita ci sono nell'oceano, non possiamo dire di aver esplorato una certa percentuale o parte di esso.

Sì, abbiamo fatto passi da gigante nello studio delle forme di vita marina che sono presenti sulla costa e nelle parti poco profonde dell'oceano, ma la diversità di queste forme di vita varia in modo esponenziale quando arriviamo alle parti più profonde degli oceani del mondo.

Spedizioni e ricerche sono in corso su parti più profonde degli oceani e stiamo scoprendo nuovi organismi ogni anno. Nel 2018 stesso, i biologi marini hanno aggiunto più di 100 nuove specie marine alla lista in continua crescita.

Ancora nell'elenco dei misteri che non possiamo solo capire, il triangolo delle Bermuda è oggetto di molte teorie e cospirazioni!

In numeri grezzi, 50 navi e 20 aeroplani sono già scomparsi in questo punto situato nell'Oceano Atlantico settentrionale.

Le bussole sembrano non funzionare nel Triangolo delle Bermuda, facendo perdere agli aeroplani tutti i dati di navigazione da quel punto. Ci sono molte teorie che circolano su Internet sul Triangolo delle Bermuda, alcune soprannaturali e alcune coinvolgono persino gli alieni!

Le migliori risposte che gli scienziati hanno trovato per questo particolare fenomeno sono le onde anomale e l'errore umano nel tenere conto della linea agonica. Sono in corso studi sul Triangolo delle Bermuda e chissà, un giorno potremmo avere una risposta chiara a ciò che accade in quel particolare tratto di mare.

Sul Mar Baltico settentrionale, si trova un oggetto circolare con alcune qualità strutturali su di esso. Questo misterioso oggetto è stato trovato da una squadra svedese di cacciatori di tesori chiamata Ocean X nel 2011. L'oggetto si trova proprio al centro del Mare di Botnia.

Le linee intricate che assomigliano a rampe, scale e altre strutture rivelano il fatto che la struttura non è stata formata da cause naturali, ma da invenzione umana.

Alcune delle teorie sulla sua origine classificano l'anomalia baltica come un UFO che è affondato sul fondo del mare, mentre altri ritengono che la statura sia stata effettivamente formata da forze naturali. La spiegazione che è diventata molto popolare tra i ricercatori è stata che l'oggetto è in realtà un oggetto balistico tedesco caduto in mare nel pieno della seconda guerra mondiale.

Tuttavia, non esiste ancora un verdetto ufficiale sulle origini dell'anomalia del Mar Baltico.

Nelle vaste profondità dell'oceano, potrebbe sembrare un luogo molto calmo senza disturbi, tuttavia, i ricercatori hanno rilevato alcuni suoni che sono ancora inspiegabili oggi. I ricercatori usano un'attrezzatura speciale chiamata idrofono che può captare i suoni nell'acqua.

L'idrofono utilizzato dall'americano NOAA ha rilevato un suono insolito nel 1991 che comprendeva suoni in salita della durata di pochi secondi ciascuno. Il suono è udibile attraverso un idrofono posto alle coordinate 54 ° S 140 ° W e l'intensità di queste frequenze sembra subire un mutamento stagionale dove raggiungono livelli massimi in primavera e in autunno.

L'organo del suono in salita è ancora un mistero. Ci sono anche altri frammenti sonori scoperti nell'oceano a cui ancora non abbiamo risposte!

Il punto più profondo della terra sarà sicuramente sede di alcuni dei più grandi misteri della terra. La Fossa delle Marianne si trova nell'Oceano Pacifico. Il punto più profondo della Fossa delle Marianne ha una profondità di 11.034 metri.

Ciò significa che puoi inserire l'Himalaya nella Fossa delle Marianne e la punta della montagna non sarà ancora visibile dalla superficie. Vari animali misteriosi sono stati trovati nella Fossa delle Marianne che non si trovano in nessun'altra parte del mondo come il polpo Dumbo, il pesce Barreleye, il pesce drago del mare profondo ecc.

Ci sono molte teorie che suggeriscono che la Fossa delle Marianne ospita molti animali preistorici che una volta pensavamo esistessero. Tuttavia, le trincee di Mariana ospitano anche una pressione del fluido molto elevata, anche 1000 volte superiore alla pressione atmosferica standard, il che rende difficile far funzionare le apparecchiature a quelle profondità.

L'isola fantasma di Berjema, chiamata anche "Isola perduta di Bermeja", ha un mistero che coinvolge la scomparsa di una struttura insulare che si credeva fosse sulla costa nord-occidentale della penisola dello Yucatan.

Cartografi dal 16th secolo hanno segnato le coordinate 22 ° 33 'N, 91 ° 22 E l'isola Bermeja. Ma nel 1997, una nave di ricerca ha scoperto che non esiste un'isola simile in quella zona.

Un gruppo di ricerca separato è andato a fare un'osservazione nel 2009 ma, di nuovo, non sono state trovate tracce di un'isola o dei suoi resti. Allora perché su ogni mappa storica era segnata la Bermeja?

Al largo della costa greca si trova la "Pompei sottomarina" che è coperta dal mare. La civiltà che ha vissuto qui è considerata una parte dell'età del bronzo e non si conoscono molte cose sul luogo, tranne che era vasto e aveva persone che vivevano in esso che avevano stretti legami con attività artigianali e commerciali.

Piccola 'Pompei sottomarina' trovata al largo dell'isola greca: http://t.co/rx2loKOpyTpic.twitter.com/pMs6I5YGZf

- Seeker (@Seeker) 21 novembre 2014

Sono in corso studi sul posto per capire di più su questa civiltà e perché è in uno stato in cui si trova ora. In intere città coperte dall'oceano, l'evento è davvero terrificante e potrebbe offrirci uno sguardo su ciò che dobbiamo fare per evitare un simile disastro in futuro per noi stessi.

Abbiamo sicuramente molta strada da fare per comprendere i vasti oceani del nostro mondo. Quello che può sembrare uno specchio d'acqua custodisce segreti di milioni di anni e persino forme di vita che ancora non conosciamo.


Guarda il video: Stefano Mancuso - Le Parole del Vieusseux - TERRA (Potrebbe 2022).


Commenti:

  1. Cavalon

    Mi scuso per l'interferenza... ho una situazione simile. Ti invito a una discussione. Scrivi qui o in PM.

  2. Mikashakar

    Tra noi dico la risposta alla tua domanda che ho trovato in Google.com

  3. Abasi

    Hai un'ottima idea

  4. Fraser

    La tua frase è semplicemente fantastica



Scrivi un messaggio