Collezioni

Il rilevatore di elettroni più veloce mai sviluppato

Il rilevatore di elettroni più veloce mai sviluppato


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il nuovo dispositivo può registrare immagini su scala atomica 60 volte più veloce di qualsiasi rilevatore esistente, consentendo agli scienziati di filmare interi filmati di esperimenti. Fornisce anche un impressionante4 TB al minuto di dati.

"La quantità di dati equivale a guardare in giro 60,000 Film in HD contemporaneamente ", ha detto Peter Ercius, uno scienziato del personale presso il Molecular Foundry, parte del Berkeley Lab.

4D Camera vanta inoltre una geometria unica che si presta allo studio di elementi sia leggeri che pesanti in materiali affiancati.

Gestione dei dati

Ora i ricercatori stanno cercando di costruire un sistema in grado di gestire l'enorme quantità di dati prodotti dal rilevatore. Più specificamente stanno cercando il pezzo mancante che si trova tra il microscopio avanzato e il loro supercomputer.

“In realtà abbiamo già un sistema in grado di farlo. Quello che dovevamo veramente fare era costruire una rete tra il microscopio e il supercomputer ", ha affermato Brent Draney, un architetto di reti presso il NERSC di Berkeley Lab.

Una volta completato il progetto, il supercomputer sarà in grado di analizzare il vasto flusso di dati in pochi secondi.

"Il supercomputer analizzerà i dati in circa 20 secondi al fine di fornire un rapido feedback agli scienziati al microscopio per dire se l'esperimento ha avuto successo o meno", ha detto Ercius.

Le potenziali applicazioni di questo progresso sono vaste. Una di queste aree consiste nel determinare cosa succede alle scale più piccole nelle batterie e nei microchip. Poiché il microscopio elettronico può trovare difetti a livello atomico, potrebbe aiutare a prevenire i danni.

"In realtà cattureremo ogni elettrone che passa attraverso il campione mentre è disperso. Grazie a questo set di dati molto ampio saremo in grado di eseguire esperimenti "virtuali" sul campione - non dovremo tornare indietro e prendere nuovi dati da diverse condizioni di imaging ", ha spiegato Jim Ciston, un altro scienziato del personale del Molecular Foundry.


Guarda il video: La Costante di Struttura Fine sub. ITA (Potrebbe 2022).


Commenti:

  1. Sped

    Una frase incomparabile, mi piace :)

  2. Raidyn

    Sì...

  3. Scandleah

    È un peccato, che ora non posso esprimere - è costretto ad andarsene. Ma tornerò - scriverò necessariamente quello che penso.



Scrivi un messaggio