Miscellanea

Robot sulla pista del carrello: quanto è preziosa la vita del robot?

Robot sulla pista del carrello: quanto è preziosa la vita del robot?


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Due professori di psicologia rivelano un'interessante interpretazione del classico problema del carrello: sacrificheresti un robot per salvare una vita umana? La risposta potrebbe sorprendervi.

La vita da robot vale più della vita umana?

In un articolo pubblicato sulla rivistaCognizione sociale, I professori di psicologia Sari Nijssen della Radboud University di Nijmegen nei Paesi Bassi e Markus Paulus della Ludwig-Maximilians-Universitaet (LMU) di Monaco presentano i risultati di un esperimento inteso a testare l'approccio morale che le persone adottano nei confronti dei robot in diverse circostanze.

VEDERE ANCHE: I RICERCATORI DEL MIT HANNO APPENA CREATO UN ROBOT MOLTO BUONO

I ricercatori hanno presentato ai partecipanti il ​​classico problema del carrello: sarebbero disposti a mettere in pericolo la vita di un singolo individuo per salvare diversi feriti?

Nello studio, l'individuo da sacrificare per salvare i molti sarebbe un umano, un robot umanoide con una fisionomia con vari gradi di antropomorfismo, o un robot che era inconfondibilmente una macchina. Sono stati progettati anche scenari che presentassero il robot come compassionevole verso gli altri e come un essere con la propria cognizione e sensibilità.

Il punto del problema del carrello è normalmente quello di valutare quanto si consideri sacrosanta la vita umana, poiché il gruppo può morire a causa di un incidente della natura - qualcosa che accade migliaia di volte al giorno -, ma qualcuno in realtà deve prendere la decisione di uccidere l'individuo.

Cattive notizie per gli umani

I ricercatori hanno scoperto che più un robot è dotato di caratteristiche umane, meno è probabile che le persone lo sacrificino per salvare la vita umana.

Presentare ai partecipanti storie sui tratti positivi della personalità del robot non solo ha reso i partecipanti meno propensi a sacrificarlo per salvare gli esseri umani, un numero significativo di partecipanti avrebbe espresso la disponibilità a prendere una vita umana anonima per salvare la vita del robot.

Ciò ha profonde implicazioni morali per la nostra tecnologia in futuro. Una delle principali tendenze in mostra al CES 2019 è stata il modo in cui centinaia di fornitori stavano deliberatamente cercando di investire personalità simili a quelle umane nei loro robot per convincere i consumatori ad acquistarli e, se ciò che avevano in mostra è una guida, sono venuti molto molto tempo per farlo.

Questa tendenza potrebbe presentare serie sfide morali in futuro se Nijssen e Paulus hanno ragione. "Più il robot veniva raffigurato come umano - e in particolare più sentimenti venivano attribuiti alla macchina - meno i nostri soggetti sperimentali erano inclini a sacrificarlo", ha detto Paulus.

"Questo risultato indica che il nostro gruppo di studio ha attribuito un certo status morale al robot. Una possibile implicazione di questa scoperta è che i tentativi di umanizzare i robot non dovrebbero andare troppo lontano. Tali sforzi potrebbero entrare in conflitto con la loro funzione prevista: essere di aiuto a noi.


Guarda il video: Webinar: La manutenzione predittiva delle macchine e degli impianti (Luglio 2022).


Commenti:

  1. Anstice

    Sfortunatamente, non posso aiutare nulla. Penso che troverai la decisione corretta. Non disperate.

  2. Hring

    Non posso prendere parte alla discussione in questo momento - sono molto impegnato. Ma sarò libero - scriverò sicuramente quello che penso.

  3. Kazrabei

    Grazie per le informazioni, ora lo saprò.

  4. Warrick

    Sono d'accordo con te!

  5. Witt

    Davvero?



Scrivi un messaggio