Miscellanea

Ripetitori radioamatori

Ripetitori radioamatori


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

I ripetitori radioamatori sono ormai una parte molto consolidata della scena radioamatoriale. Questi ripetitori radioamatori forniscono un servizio molto prezioso a molte stazioni, e in particolare a quelle che non hanno posizioni particolarmente buone o quelle stazioni radioamatoriali che utilizzano solo bassa potenza.

Un ripetitore, che sia un ripetitore per radioamatori o anche un ripetitore commerciale, è una stazione che riceve un segnale su una frequenza e contemporaneamente lo ritrasmette su un'altra.

I ripetitori sono situati in buone posizioni con una buona copertura che consente alle stazioni che possono accedere al ripetitore di essere ascoltate in uscita e quindi di sfruttare la posizione del ripetitore.

Effettivamente fornisce alla stazione radioamatoriale a bassa potenza la stessa copertura di quella del ripetitore. In questo modo i radioamatori che utilizzano piccoli ricetrasmettitori portatili o quelli che utilizzano apparecchiature mobili in un veicolo a motore sono in grado di stabilire molti più contatti di quanto sarebbero altrimenti in grado di fare.

Nozioni di base sui ripetitori per radioamatori

Un ripetitore radioamatoriale è essenzialmente una stazione di trasmissione che riceve un segnale su una frequenza e ritrasmette l'audio su un'altra. Anche se questo suona semplice, le stazioni radioamatoriali ripetitori hanno una serie di funzioni controllate automaticamente per garantire che operino in modo efficiente e non causino interferenze inutili o inquinamento dello spettro radio.

Ciò significa che quando si opera attraverso un ripetitore per radioamatori è necessario avere una conoscenza di base del loro funzionamento in modo che possa essere utilizzato per fornire le prestazioni più efficaci.

Sebbene il funzionamento effettivo di un ripetitore varierà da un ripetitore all'altro e dipenderà dal paese in cui viene utilizzato e talvolta dalla banda utilizzata, in generale i concetti generali sono gli stessi. Tuttavia, prima di avventurarsi nell'uso di un particolare ripetitore per radioamatori, è meglio monitorare prima la stazione per capire esattamente come funziona.

Inizialmente, quando un ripetitore non è in uso, non irradierà un segnale. Ciò consentirà di risparmiare energia e ridurrà anche possibili interferenze.

Anche i ripetitori radioamatori sono progettati in modo che segnali e rumori spuri non dovrebbero causare la trasmissione del ripetitore. Per "aprire" il ripetitore deve esserci un segnale sulla sua frequenza di ricezione o di ingresso. Questo segnale deve essere sufficientemente forte per essere ritrasmesso e deve anche avere un tono per identificare che la stazione ricevuta dal ripetitore desidera che la sua trasmissione venga irradiata nuovamente. Esistono due metodi per ottenere ciò:

  1. Uso di un tono sonoro all'inizio di ogni trasmissione
  2. Utilizzando un sistema di toni subaudio noto come CTCSS

Entrambi questi sistemi verranno descritti in maggior dettaglio in seguito.

Una volta effettuato l'accesso al ripetitore, l'audio proveniente dal segnale in ingresso verrà ritrasmesso sulla frequenza di uscita del ripetitore. Tuttavia, se il segnale scende al di sotto del livello richiesto, il ripetitore può interrompere la ritrasmissione del segnale - essenzialmente se diventa troppo rumoroso per fornire una buona copia, il ripetitore cesserà di irradiare nuovamente il segnale.

Inoltre molti ripetitori hanno una funzione di timeout. Questo monitora il tempo in cui un segnale è stato trasmesso e se un certo tempo è stato superato, il ripetitore entrerà in modalità occupato o timeout e smetterà di ritrasmettere il segnale. Questa funzione è inclusa in molti ripetitori radioamatori per scoraggiare le persone dal parlare troppo a lungo sul ripetitore. In questo modo consente a più persone di utilizzare il ripetitore.

Quando una trasmissione è completa, il ripetitore rileverà che il segnale è scomparso dal suo ingresso. Dopo un breve ritardo molti ripetitori radioamatori trasmetteranno un carattere audio Morse come invito alla trasmissione della stazione successiva. Questo carattere è spesso "K", il carattere in codice Morse utilizzato per invitare le persone a trasmettere. Altre lettere possono essere utilizzate per indicare il tono CTCSS da utilizzare per l'accesso al ripetitore.

Dopo la fine di una trasmissione i timer vengono reimpostati e può iniziare una nuova trasmissione. Tuttavia, questa volta non è normalmente richiesta alcuna raffica di toni per accedere al ripetitore radioamatore.

Una volta che un contatto è stato completato e non ci sono ulteriori trasmissioni sul suo ingresso, il ripetitore radioamatore si chiuderà. Prima di poter effettuare qualsiasi ulteriore trasmissione, dovrà essere riaperto.

Terminologia dei ripetitori per radioamatori

Ci sono alcuni termini di base che devono essere compresi in quanto saranno necessari per l'impostazione di qualsiasi attrezzatura che hai.

  • Frequenza di ingresso: Questa è la frequenza su cui il ripetitore riceve il segnale - questa è la frequenza su cui l'apparecchiatura dovrebbe trasmettere per accedere al ripetitore.
  • Frequenza di uscita: Questa è la frequenza su cui trasmette il ripetitore - questa è la frequenza su cui dovresti ascoltare.
  • Compensare: L'offset del ripetitore è la differenza tra le frequenze di uscita e di ingresso. Un ripetitore che trasmette su 145.700 MHz e ascolta su 145.100 MHz ha un offset di 145.700 - 145.100 = -600 kHz.
  • Tono CTCSS: CTCSS è la forma di tono di accesso al ripetitore che viene utilizzata oggigiorno sulla maggior parte dei ripetitori. I diversi toni sono indicati da una lettera e per ogni ripetitore deve essere utilizzato il tono corretto. A volte i ripetitori trasmettono una lettera Morse dopo la fine di una trasmissione per indicare il tomo richiesto.

Informazioni su questi saranno necessarie quando si imposta un ricetrasmettitore per il funzionamento con ripetitore. L'ingresso e l'uscita e l'offset sono ovviamente correlati, quindi sarà necessario immetterli. È richiesto anche il tono CTCSS necessario. I ricetrasmettitori possono essere programmati manualmente e hanno la capacità di memorizzare un numero di canali e i toni CTCSS associati. Oggi è normalmente possibile programmare il ricetrasmettitore utilizzando un computer. Questo è generalmente molto più semplice e può essere ottenuto utilizzando un layout in stile foglio di calcolo per una facile visualizzazione di tutti i diversi canali memorizzati.

Standard di offset per ripetitori radioamatori

Esistono standard per i canali dati e offset ripetitori per aree diverse.

È utile conoscere i diversi offset per i diversi paesi e le diverse bande in modo che i ricetrasmettitori possano essere programmati in modo appropriato.


Accesso al ripetitore e CTCSS

Per evitare che i ripetitori vengano attivati ​​inutilmente, sono stati ideati vari metodi per accedervi: se il trasmettitore del ripetitore è stato attivato esclusivamente dallo squelch o da un altro circuito che rileva un segnale in ingresso, il rumore e una miriade di altri segnali potrebbero attivare il ripetitore. Inizialmente è stato utilizzato un sistema di utilizzo di un burst di toni all'inizio del segnale.

Con l'aumentare del numero di ripetitori, i canali sono stati riutilizzati ma lasciando una distanza fisica sufficiente tra loro in modo che le stazioni fossero in grado di ascoltare solo un ripetitore e accedervi. Tuttavia in determinate condizioni è possibile che alcune stazioni accedano a più di un ripetitore. Per ovviare a questo, viene ora utilizzato un sistema di toni subaudibili noto come toni CTCSS. Solo se viene utilizzato il tono giusto è possibile accedere al ripetitore.


Ripetitori D-Star

Con l'aumento delle modalità di trasmissione digitale, soprattutto per la data, ma anche per la voce, non sorprende che ciò si rifletta nella tecnologia dei ripetitori.

D-Star è una forma di radio digitale che viene utilizzata in parte nelle bande amatoriali VHF e UHF. Il sistema è utilizzato da Icom e da altre radio digitali e in alcuni paesi esiste una rete di ripetitori compatibili con D-Star.

Non c'è stato un livello significativo di utilizzo della funzionalità D-Star a causa del fatto che la configurazione a volte può essere un po 'difficile.



Guarda il video: Foto Di Alcuni Ripetitori (Luglio 2022).


Commenti:

  1. Joah

    Informazioni fantastiche, molto divertenti

  2. Branris

    C'è qualche alternativa?

  3. Panteleimon

    Un messaggio affascinante

  4. Ervine

    Chiedo scusa se è intervenuto... capisco quella domanda. Possiamo esaminare.



Scrivi un messaggio